mercoledì 15 giugno 2011

L'Atlante di Smeraldo - John Stephens


Titolo: L'atlante di Smeraldo (The Emerald Atlas)
Autore: John Stephens
Casa Editrice: Longanesi
Prezzo di copertina: 18,60 € (rilegato)

Trama:

E' la notte di Natale e Kate avrebbe voluto rimanere sveglia, ma i suoi occhi di bambina alla fine si sono arresi al sonno. Sono le mani di sua madre a scuoterla e svegliarla di colpo: sta succedendo qualcosa, qualcosa di brutto. Kate ha solo quattro anni, suo fratello Michael due, Emma è appena nata. Questa è l'ultima volta in cui vedranno i loro genitori. Dieci anni e moltissimi orfanotrofi dopo, i tre fratelli si imbarcano per quello che pare sia l'ultimo istituto disposto ad accoglierli: Cambridge Falls. Ma quando arrivano nella enorme casa tutta sbilenca, piena di torri, sotterranei e sale colme di bizzarrie, molte sono le domande che si affacciano alla loro mente. Come mai non ci sono altri bambini? Chi è l'enigmatico dottor Pym, il direttore di quello strano orfanotrofio? E soprattutto, cos'è quell'inquietante libro dalle pagine bianche e dalla copertina verde che sembra brillare di luce propria nel buio della camera segreta? Questa è la storia di Kate, che da sempre si prende cura dei fratelli, aggrappandosi alla disperata certezza che un giorno i suoi genitori torneranno a prenderli, ed è la storia di Michael e della sua passione per le storie fantastiche, e della piccola Emma, che sembra temere solo una cosa: perdere i suoi fratelli. E la storia di tre ragazzi inseguiti da un potere oscuro e minaccioso e del libro che cambierà per sempre il loro destino.

L'autore:

John Stephens è un produttore televisivo.
Molti di voi lo ricorderanno per la serie The O.C., una mamma per amica dove ha co-prodotto per 6 episodi.
E' uno sceneggiatore, story editor, che ha scritto il primo libro di una trilogia definita i "Libri dell'Inizio", un caso editoriale senza precedenti.

Ho questo libro tra le mani da un mesetto abbondante. Dopo averne letto l'estratto mi è parso un misto di Harry Potter e Peter Pan, non in senso negativo. Vedremo come si prospetterà.