martedì 5 luglio 2011

Chanel Non fa Scarpette di Cristallo- Barbara Fiorio


Autrice: Barbara Fiorio
Casa Editrice: CastelVecchi
Pagine: 229
Prezzo: 14.90 €

Trama:
Cosa succederebbe se, anziché limitarsi a trasformare in storie la propria fantasia, gli autori delle fiabe più famose avessero stretto un patto con il diavolo condannando le proprie creature a uscire dalle pagine dei libri per affrontare i vizi e le virtù della quotidianità?
Donne favolose si troverebbero a vivere in un mondo che non è decisamente un regno fatato né un posto per principesse, dove la realtà è fatta di lavori noiosi, problemi da risolvere e uomini davvero molto diversi dai principi azzurri.
Una vita complicata, senza considerare che i termini del famoso patto stipulato alle loro spalle prevede una clausola fondamentale: la ragazza che nel corso della sua esistenza normale dovesse incontrare il vero amore perderebbe, insieme all’immortalità, anche il ricordo del tempo che fu, lasciando scivolare nell’oblio le antiche fiabe raccontate a tutte le bambine del mondo.
Così, mentre alle porte del cuore di Beatrice, Maddalena e Penelope già bussano i rispettivi cavalieri, il divertente e appassionante romanzo di Barbara Fiorio propone alle sue protagoniste l’eterno conflitto tra amore romantico e vita reale: chi vincerà?

Chi è Barbara Fiorio:
Vi metto di seguito cosa si può leggere su di lei direttamente da sito:
Vivo a Genova, dove sono nata il 1° novembre 1968. Il quel momento mio padre mangiava polenta. Mia madre, no.
Formazione classica, studi universitari alternativi, un master in Marketing Communication, ho lavorato oltre un decennio nella promozione teatrale prima di fare moltissime altre cose, tipo la portavoce del presidente della Provincia di Genova, la problem solving a budget zero, la testimone di nozze o la scrittrice.
Ho due gatti, faccio un ottimo salame dolce e brucio spesso i fagiolini perché me ne dimentico, sono ghiotta di cioccolato, non bevo caffè, ho una passione per Gaber, gli orsetti di gomma e la tinta unita, lancio fulmini e secondo alcuni leggo nel pensiero, cosa che non confermo e che comunque, spesso, mi annoia.  Ho imparato mio malgrado che non tutti i rospi sono principi travestiti, ma resto convinta che comportarsi da principessa sia imprescindibile per una vita da favola (una teoria alla quale lavoro da anni senza risultati degni di nota).
Tra le cose stupide che ho fatto per amore: una vana attesa alle sei del mattino su un cavalcavia sotto una pioggia radioattiva; sopportare per 24 ore, nelle scarpe, la sabbia della spiaggia spagnola dove ero stata baciata da un ragazzo che non avrei rivisto mai più; conservare per venticinque anni il burro di cacao usato dal mio primo amore; salire su un aereo, attraversare tutta l’Italia per fare una sorpresa al fidanzato, disturbando lui e l’amante; fare l’animatrice nei villaggi turistici; giocare coi videogames e sparare ossessivamente a creature finte mentre in cucina si carbonizzava lo spezzatino; sposarmi; immolarmi in casta e inutile attesa per periodi variabili da svariati mesi ad annate intere; mangiare anguilla marinata; stare zitta.
Tra le cose che mi piacciono di più (non tutte e non in ordine di importanza): la crema di cioccolato fondente della Caffarel, i serial tv, i gatti, oziare, gli emiliani, l’ironia, il tartufo, qualunque cucciolo di mammifero peloso, la pasta fresca, leggere, gli spot pubblicitari, le fiabe, la fontina, la mitologia, il burro salato, il teatro, Star Wars (i primi, quelli veri), le parole buffe, camminare con l’Ipod nelle orecchie, New York, ridere a crepapelle, parlare francese, ballare, Audrey Hepburn. E, ribadisco perchè ci tengo, il cioccolato, Giorgio Gaber, gli orsetti di gomma e la tinta unita.
Tra i miei scrittori preferiti, in ordine totalmente casuale: Fedor Dostoevskij, William Shakespeare, Lewis Carrol, Michael Ende, Oscar Wilde, Matt Ruff, Christopher Moore, Terry Pratchett, J.K. Rowling, Gabriele Romagnoli, Tonino Benacquista (per inciso, venderei l’anima al diavolo solo se il diavolo fosse Woland e solo se in cambio potessi saper scrivere come Pratchett e Moore).
Chanel non fa scarpette di cristallo è il mio primo romanzo, C’era una svolta è il mio primo libro (e La principessa e il più bello è una delle mie prime favole, scritta a 9 anni).
Cosa ne penso del Libro:
E' un libro divertente e ironico, ti porta in un mondo fatto di magia e realtà destreggiati abilmente. E' un libro che ti fa ridere, piangere e sognare, dove vorresti esser tu la protagonista. Un mio parere personale, ovvio.Ci sono numerosi riferimenti ed è stato un piacere leggerlo, Comprato per caso "solo perchè mi incuriosiva il titolo" non ne sono rimasta affatto delusa.                                                           
Anzi.